Gruppo di Lavoro Agricoltura

2020 La regione Marche Locomotiva del biologico

 

Gruppo di lavoro Agricoltura 2015

 

  1. Incentivare un’Agricoltura Sostenibile come da indirizzo EU. Sostenere le filiere corte e l’accesso per tutti ad un cibo sano e genuino.
  2. Semplificazione burocratica. Istituzione di un organismo unico pagatore regionale al posto dell’AGEA. Maggiore coinvolgimento degli agricoltori e dei consumatori nella stesura del PSR (Piano di Sviluppo Rurale )
  3. Rovesciamento della certificazione biologica, tramite modifica della legge regionale DLReg 29 dicembre 1997, n. 76 come in Lombardia. Recepimento a livello regionale della proposta di legge per la piccola agricoltura contadina; presentata al parlamento da L’abbate; che definisce la figura del contadino agricoltore, innalza il tetto di reddito annuale, permette l’auto produzione e la vendita su mercati locali e gruppi d’acquisto solidali. Recepimento della proposta di legge sulla tutela dei prezzi ovvero la fine delle obsolete “Borse Merci” per la “Commissione Unica”; presentata al parlamento da Parentela; che indicherà un prezzo equo del prodotto alimentare con l’obbiettivo di redistribuire la ricchezza lungo la filiera agroalimentare.
  4. Sostenere le reti d’impresa, la gestione comunitaria del territorio e del paesaggio come nella carta di Arcevia che promuove pratiche virtuose per preservare l’ecosistema. Avviare l’insegnamento delle pratiche di agricoltura sostenibile negli Istituti Agrari. Facilitare l’accesso alla terra per i giovani.
  5. No TTIP ma tutela dei prodotti locali. No OGM o prodotti chimici dell’agro-business ma maggiore qualità dei prodotti alimentari e maggiore trasparenza sulla presenza di OGM in prodotti trasformati come i mangimi zootecnici. Si-Canapa si alla presentazione di una legge regionale per la coltivazione della Canapa da semi biologici con THC per uso terapeutico come definita nella proposta di legge presentata in parlamento da Ferraresi e come già avviata in alcune regioni.